Indietro alla home del blog

CHOOSING THE RIGHT END-EFFECTOR

26 aprile 2017

CHOOSING THE RIGHT END-EFFECTOR

SCEGLIERE IL GIUSTO ORGANO DI PRESA

Il termine End-of-Arm Tooling o mano di presa (generalmente abbreviato in EOAT o EOA tooling) si riferisce a un organo di movimentazione dei materiali applicato ad attrezzature industriali. L’EOAT movimenta il prodotto utilizzando diverse tecnologie di presa in base alle caratteristiche del prodotto.

Quale tipo di prodotto è presente sulla linea? Fardelli sfusi? Grandi casse? Vassoi irregolari? La varietà di prodotti da confezionare può rendere difficile l’esatta identificazione delle soluzioni più indicate a ogni singola esigenza. Dopo tutto, vi sono molti dettagli da considerare nella scelta del giusto organo di presa. Ad esempio, il prodotto da trattare è di plastica o di cartone? O si tratta di sacchi intessuti porosi? Per ottenere il massimo livello di efficienza, deve essere utilizzato un metodo di movimentazione diverso per ciascuno di questi prodotti. Infatti, sarebbe inutile utilizzare un dispositivo magnetico per un sacco intessuto poroso, vero?

Un altro fattore da considerare è il peso del prodotto: un errato organo di presa o un tipo di morsa inadeguato può danneggiare o rovinare il prodotto. Le pinze possono essere progettate per rispondere alle esigenze specifiche della linea e personalizzate per l’uso con prodotti molto particolari.

Ovviamente, anche il budget disponibile riveste un ruolo determinante. Un organo di presa realizzato su misura può assicurarvi la massima tranquillità e aumentare l’efficienza della produzione, tuttavia è senz’altro più costoso di un sistema standard.

Molti altri fattori possono influenzare la scelta: limiti di spazio, configurazione, e altro ancora. È utile ricordare che l’EOAT è uno degli elementi cruciali per un efficiente processo di palettizzazione. Questo è il motivo per cui abbiamo creato una guida esaustiva che delinea le diverse tipologie di organi di presa disponibili sul mercato. A seguito della crescente diversificazione dei prodotti, tuttavia, la scelta di una mano di presa su misura può rappresentare una buona opzione di cui tener conto.

PINZE DI PRESA A VUOTO

Se non è possibile applicare una forza di compressione, la pinza di presa a vuoto è un’alternativa efficace. La presa a vuoto è molto utile se il prodotto non è sufficientemente rigido o se la palettizzazione deve avvenire senza spazi tra i prodotti. Un’unica pinza consente inoltre di prelevare svariati tipi di prodotto, e il sistema a vuoto permette di gestire correttamente prodotti posizionati in modo impreciso. Un altro vantaggio: le pinze di presa a vuoto sono una delle soluzioni più economiche e accessibili presenti sul mercato.

Nel considerare questo tipo di presa, si deve tuttavia tener conto anche dei seguenti aspetti: le pinze a vuoto sono sensibili agli ambienti polverosi e sporchi, necessitano di aria compressa (che aumenta i costi energetici) e le prestazioni possono essere influenzate dalla consistenza e porosità della superficie del prodotto.

PINZE A MORSA (PRESA FARDELLI)

Nella pinza a morsa vengono utilizzati due elementi per prelevare il sacchetto dai lati. Si tratta di un organo di presa particolarmente indicato per cartoni con coperchio scivoloso o applicazioni con pesi elevati, in cui la presa dall’alto non è possibile. Per contro, la pinza a morsa richiede un dispendio di manutenzione più elevato rispetto al tipo a vuoto.


PINZE A DITA

La pinza a dita è considerata un sistema ibrido ottenuto dalla combinazione tra pinza a morsa e pinza a forca. Afferra il carico sui lati, ma dispone anche di rebbi che si inseriscono sotto il prodotto. Di conseguenza la presa è più salda, ed è quindi utile per i prodotti più fragili che necessitano di ulteriore supporto. Pur mantenendo le caratteristiche di una pinza a morsa, la pinza a dita è più veloce e leggera rispetto alla sola forca, ma richiede appositi trasportatori.


PINZE A FORCA (PINZE A DITA LATERALI)

Dovete movimentare contenitori con lato superiore aperto o sacchi di grandi dimensioni da sollevare dalla base? Non cercate oltre. Progettata per prelevare prodotti da un trasportatore a rulli, la pinza a forca è la soluzione più flessibile. Concepita appositamente per prodotti che richiedono la presa dal fondo, è particolarmente indicata per i sacchi con una superficie piana insufficiente per la presa.

PINZE MAGNETICHE

La pinza magnetica entra in gioco se si devono movimentare oggetti in materiale ferroso, come ad esempio le lattine. Preleva rapidamente il prodotto e consente di gestire una vasta gamma di diverse forme. La pinza magnetica può essere utilizzata anche per la presa di più prodotti contemporaneamente. In base alle sue dimensioni consente persino di prelevare un intero strato di prodotto.

PRESA STRATO COMPLETO

In alcune linee di produzione si deve evitare il rischio di toccare e muovere confezioni già posizionate. In questo caso trova impiego il sistema di presa a strato completo: due rulli servoassistiti spingono l’intero strato paletta da lati opposti, sollevando e traslando la confezione su due piastre di supporto simmetriche.

PINZE PER SECCHI

Come dice il nome, la pinza per secchi viene utilizzata per movimentare secchi prelevandoli dal lato superiore.


PINZE AD ANELLO

La pinza di forma circolare si chiude ad anello sul prodotto, prelevandolo dall’alto. Questa mano di presa è ideale per fusti e altri contenitori circolari di grandi dimensioni.


PINZE SERVOASSISTITE

La pinza servoassistita controlla il movimento delle ganasce utilizzando la potenza elettrica trasmessa dall’unità di controllo del robot. Può controllare la posizione del rilevatore della pinza, rilevare la presa e determinare se il componente è stato prelevato dalla pinza. Rendendo superflui i tubi dell’aria, consente un notevole risparmio in termini di energia e manutenzione. È inoltre la soluzione migliore per un ambiente pulito.

PINZE PER PALETTA & INTERCALARI

Questo tipo di pinza, concepito per palette e intercalari, può essere integrato su un altro sistema di presa, per una soluzione più completa in grado di movimentare paletta, foglio antiscivolo e prodotto con un unico utensile. Richiede generalmente lo sviluppo di un concept personalizzato, specifico alle esigenze del cliente e della linea.

PINZE SU MISURA

If you have specific needs that aren’t covered by the grippers we’ve just described, then a custom solution may meet those needs the best. There are virtually no limits to what can be built. In fact, we like to say that there are just as many grippers out there as there are products on the market.

Articolo successivo