Indietro alla home del blog

COME PREVENIRE FALSE PARTENZE NELL’AUTOMAZIONE DELLE INSACCATRICI PER SACCHI CON VALVOLA

20 agosto 2015

COME PREVENIRE FALSE PARTENZE NELL’AUTOMAZIONE DELLE INSACCATRICI PER SACCHI CON VALVOLA

Uno dei problemi principali nell’automazione di un sistema di insacco per sacchi con valvola è la falsa partenza. Si verifica una falsa partenza quando l’insaccatrice è avviata ma il sacco non è posizionato correttamente sul boccasacco di riempimento; il prodotto può rovesciarsi sul pavimento e la polvere può rapidamente riempire la struttura. La maggior parte delle false partenze è dovuta a variazioni nella costruzione dei sacchi e a grinze dovute all’impilamento e al trasporto dei sacchi vuoti dal produttore; sacchi di buona qualità sono di importanza centrale per le operazioni automatizzate. Quando un sistema è azionato manualmente, l’operatore controlla a vista che il sacco sia applicato in modo corretto. In caso di un avvio involontario, l’operatore può agire rapidamente premendo il pulsante d’arresto d’emergenza. Se un sistema include un applicatore automatico di sacchi, è probabile che l’operatore non sia prontamente disponibile per arrestare una falsa partenza. Devono essere implementati metodi di controllo per eliminare quando possibile le false partenze, o altrimenti per mitigarne gli effetti.


Noi di Premier Tech Chronos adottiamo numerose misure per risolvere il problema delle false partenze dovute all’applicazione non corretta dei sacchi. La prima cosa che dobbiamo considerare è il meccanismo di avvio stesso. Quando un sacco è posizionato sul boccasacco di riempimento, il bordo anteriore del sacco sposta una piastra meccanica per fare intervenire un interruttore di prossimità senza contatto. Se il sacco si inceppa all’estremità del boccasacco di riempimento o non è collocato abbastanza in profondità su di esso, l’interruttore di avvio automatico non interviene, l’insaccatrice non parte e il sacco viene scartato. Siccome occasionalmente è possibile fare intervenire questo interruttore quando il sacco non è nella corretta posizione di riempimento, trovano applicazione altre misure.

Tutte le insaccatrici Premier Tech Chronos con applicatori automatici includono anche i seguenti aspetti:

  • Interruttore allontanamento sacco – Man mano che il sacco si riempie, si arrotonda e si allontana dall’interruttore di avvio automatico. L’interruttore allontanamento sacco deve rimanere attivo per tutto il riempimento. Se per qualsiasi motivo l’interruttore non è azionato, la macchina viene arrestata immediatamente.
  • Timer riempimento massimo – Se per qualsiasi motivo il riempimento del sacco richiede più tempo del previsto, la macchina viene arrestata.
  • Perdita di peso o Nessun aumento di peso – Questa funzione è presente su tutti gli attuali dispositivi di controllo di pesatura di Premier Tech Chronos. Un algoritmo valuta se il sacco si riempie come previsto. Il dispositivo di controllo di pesatura rileverà se un sacco scoppia o se il flusso di prodotto si è arrestato e spegnerà la macchina.

Le tre funzioni appena descritte risolvono il problema dopo l’avvio dell’insaccatrice. Questo è importante nel caso di sacchi che scoppiano durante il riempimento (sacchi deboli o di scarsa qualità), ma non ovvia al problema di una falsa partenza finché non è troppo tardi. È molto meglio prevenire le false partenze invece di accorgersene a fatto compiuto. Un meccanismo a prova di guasti che rilevi se il sacco è correttamente posizionato sul boccasacco e sufficientemente in profondità sarebbe l’ideale.

Premier Tech Chronos ha messo a punto un Sensore sacco su boccasacco (B.O.S.S.), un sistema brevettato che rileva il corretto posizionamento del sacco in 2 punti. È una funzione optional per tutte le macchine, ma è fortemente raccomandata per i modelli Clean Pak con sigillatura valvola a ultrasuoni. Utilizza due laser per rilevare la posizione del sacco nell’area del boccasacco di riempimento (vedere illustrazione). Ogni laser è installato in un involucro pressurizzato per mantenere pulita la lente e proteggere il dispositivo dagli ambienti polverosi. I sensori laser sono montati direttamente sul telaio della macchina e puntati nella direzione dei lati destro e sinistro del tubo di riempimento. Il sensore B.O.S.S. è in grado di rilevare tutte le principali anomalie dei sacchi non correttamente applicati. Questi laser sono calibrati per rilevare la presenza o assenza di un sacco. Questa forma di rilevamento è unica per il fatto che non tocca fisicamente il sacco per determinare se è in posizione. Nonostante alcune condizioni possano ingannare il sensore B.O.S.S., quando usato in combinazione con altre funzioni, questo può rendere i sistemi di confezionamento automatici molti sicuri, affidabili e puliti.


Vantaggi

• Funzionamento più pulito impedendo l’avvio delle riempitrici dovuto a sacchi posizionati in modo errato
• Eliminazione dei costi di manodopera per la pulizia del prodotto versato a causa di sacchi posizionati in modo errato
• Risparmio grazie all’eliminazione del prodotto contaminato sul pavimento
• Possibilità di lavorare in aree di classe II G 1 o II G 2

CONCLUSIONE

• L’unità B.O.S.S. osserva e misura il posizionamento del sacco sul boccasacco di riempimento E non permetterà l’avvio della riempitrice se il sacco vuoto non è posizionato correttamente sul boccasacco. Siccome il prodotto non fuoriesce dalla riempitrice, non si verificano perdite.

• Il sensore B.O.S.S. si avvale di due laser rivolti verso il basso oltre i due lati del boccasacco di riempimento.

• Se la sommità di un sacco (valvola del sacco/area del manicotto) blocca il laser in qualche punto sul diametro del boccasacco (superfici superiore e inferiore), il sensore B.O.S.S. considera il sacco posizionato correttamente.

• Se il sacco scorre al di sotto del boccasacco, il laser è bloccato “oltre” il fondo del boccasacco e il sensore B.O.S.S. considera il sacco posizionato scorrettamente.

• Anche se il sacco è “sopra” la sommità del tubo di riempimento il B.O.S.S. lo considera posizionato scorrettamente. 

• In entrambi i casi di sacco “posizionato scorrettamente”, il B.O.S.S. impedisce all’insaccatrice di partire e il sacco viene scartato così da procedere con un altro sacco.

Articolo successivo