Indietro alla home del blog

LA SOSTITUZIONE DELLA EOAT (END OF ARM TOOL O MANO DI PRESA) DI UN CONCORRENTE PER MIGLIORARE L’AFFIDABILITÀ SU PIÙ LIVELLI

20 agosto 2015

LA SOSTITUZIONE DELLA EOAT (END OF ARM TOOL O MANO DI PRESA) DI UN CONCORRENTE PER MIGLIORARE L’AFFIDABILITÀ SU PIÙ LIVELLI

Affidabilità dei retrofit

Anche le aziende rinomate in tutto il mondo devono rivalutare periodicamente le loro attrezzature per mantenere il predominio sul mercato. Uno di questi produttori ha capito che fare affidamento su una pinza per robot di palettizzazione obsoleta può causare problemi considerevoli. Fortunatamente questo stesso produttore ha cercato aiuto presso Premier Tech Chronos, leader mondiale nelle attrezzature per imballaggio, con sede a Rivière-du-Loup, QC, Canada. Nonostante la pinza insoddisfacente fosse stata fabbricata da un’altra azienda, Premier Tech Chronos ha acconsentito al retrofit per migliorare la produttività del cliente.



Problemi

Uno dei problemi da risolvere, afferma David Lemaire, ingegnere e Sales Manager di Premier Tech Chronos, era l’inaffidabilità. Dato che il robot di palettizzazione presente nell’impianto era stato fabbricato da un’azienda che esternalizzava i componenti, il cliente poteva attendere anche mesi per ricevere i ricambi.

Il secondo problema era che le ventose sulle mani di presa (EOAT) originali del robot deformavano i sacchi, creando al centro una piramide alta da 1,3 cm a 2,5 cm circa. Questo non solo rendeva i sacchi meno gradevoli, ma creava anche problemi di palettizzazione perché i sacchi deformati occupano più spazio. Le palette risultavano quindi inutilmente alte, richiedevano più materiale da imballaggio con una ridotta efficienza di impilamento.

Soluzione

Il cliente era soddisfatto delle prestazioni dell’EOAT che Premier Tech Chronos aveva progettato e installato in un altro punto dello stesso stabilimento e quindi ha pensato che Premier Tech Chronos avrebbe potuto risolvere i suoi problemi. Si è deciso di sostituire la pinza di presa a vuoto obsoleta del robot di palettizzazione con una pinza a dita di Premier Tech Chronos.

Uno dei vantaggi della pinza a dita è che, siccome solleva i sacchi da sotto, li trasferisce senza deformarli ottenendo palette uniformi. Ciò consente di creare pile di quattro palette; una soluzione più efficiente rispetto alle pile più basse che occupano più spazio nel magazzino del cliente prima del retrofit.

Un altro vantaggio consiste nel fatto che questa EOAT solleva i sacchi da sotto riducendo quindi la possibilità di cadute con conseguenti perdite di materiale. Inoltre la maggiore precisione di posizionamento offerta dalla pinza può aumentare la produzione fino al 20 percento rispetto al modello di presa a vuoto. La pinza aumenta anche la versatilità della linea, palettizzando una più ampia varietà di container rispetto alla EOAT di presa a vuoto che ha sostituito.

Attrezzatura

La pinza a dita consente la movimentazione automatica dei sacchi dal punto di prelievo alla paletta, fornendo sostegno sotto ogni sacco e un rilascio rapido e simmetrico nel punto di deposito sulle palette. Altrettanto importante è il design di questo strumento, che accoglie i sacchi pieni e li supporta per evitare che si deformino. Progettato per un’ampia gamma di tipi di sacco, il servomotore per la regolazione automatica consente di adattare la pinza a dita a sacchi di varie dimensioni durante lo stesso ciclo. Ciò aumenta la flessibilità, l’efficienza e la produttività del processo.

 

Il lato superiore del nastro trasportatore di prelievo è rivestito con uno strato di PVC morbido per evitare che i sacchi vengano strappati o lacerati. Le protezioni di sicurezza esistenti sono state aggiornate con moduli nuovi in linea con le esigenze di budget del cliente, garantendo allo stesso tempo la conformità agli attuali standard di sicurezza. È stata installata una HMI centralizzata (interfaccia uomo macchina) che semplifica notevolmente le operazioni. Il suo accesso da un unico punto per modificare le impostazioni limita il rischio di errore umano e riduce inoltre potenziali tempi di inattività.




Vantaggi per il cliente

Questo progetto non solo ha consentito al cliente di semplificare le operazioni, aggiornare le misure di sicurezza, aumentare la resa e acquisire affidabilità grazie al retrofit dell’EOAT esistente con una di Premier Tech Chronos, ma ha anche semplificato la manutenzione. Dato che tutti gli altri robot dello stabilimento sono stati forniti da Premier Tech Chronos e sono dotati di pinze a dita, occorre tenere a disposizione un’unica pinza a dita come ricambio per tutti i robot. Sebbene sia improbabile che debbano essere sostituite: le EOAT di presa a vuoto si usurano periodicamente e nel caso devono essere sostituite, le pinze a dita no.

Un altro vantaggio è dato dal fatto che Premier Tech Chronos, rispettando i vincoli di budget del cliente, ha creato un approccio in due fasi: retrofit dell’EOAT con l’opzione di installare un nuovo robot di palettizzazione in un secondo momento. Ciò garantisce al cliente la massima flessibilità in termini di tempi e di budget.


Il retrofit produce affidabilità

Il retrofit “è stato impegnativo”, riferisce Louis Brochu, Client Services Engineering Supervisor. “Ma grazie alla collaborazione del cliente e al pensiero ingegneristico che ha concepito una soluzione creativa e redditizia, questo progetto si è rivelato un successo”.

E il cliente può riprendere a dominare il suo mercato senza preoccuparsi dell’affidabilità delle proprie attrezzature.

Per maggiori informazioni, visitate il sito www.ptchronos.com

Articolo successivo